Home Poesia

Giovani

by

Triste è la vita per chi pensa e soffre,
chi del domani ha dubbiosa vista,
Poiché Natura ad Ei luce non offre
e l’abbandono è ugual anche se insista.



Come d’Autunno foglia dal ramo smista
va ondenggiando dove il vento la porta
poiché natur cosa la rattrista
e poi si ferma là poscia ch’è morta


così l’essere umano abbandonato
peregrinando va senza una meta
senza raggio di sole illuminato,
e nessun Ente prova per Ei pieta,
e dice che i suoi passi ha terminato
come li termina bozzolo di seta.

Michele Accurso 1986

 

Ti è piaciuto l’articolo? Offrimi un caffè :)

 

0,01-bitcoin

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *